Campeggi Friuli-Venezia Giulia

I migliori Campeggi e Villaggi Turistici in Italia ed Europa

Facebook Instagram App Campeggi
 
  App Android
English
Deutsch
Français
Polski
Nederlands

Campeggi e Villaggi Friuli-Venezia Giulia

20 Strutture trovate
  • Marina Julia
    Marina Julia
    3

    34074 Monfalcone (GO)
    Tel. 048140561 - Fax 048140423

    Situato vicino al mare, il Marina Julia Camping Village (ex Villaggio Turistico Albatros) offre davvero una quantità di servizi e di attività che non potranno che soddisfare le aspettative più esigenti.
  • Sabbiadoro
    Sabbiadoro
    3

    33054 Lignano Sabbiadoro (UD)
    Tel. 043171455 - 71710 - Fax 0431721355

    Il Camping Sabbiadoro è immerso nel verde di una pineta mediterranea e di un lussureggiante parco ombroso vasto 13 ettari.
  • Camping Village Mare Pineta
    Camping Village Mare Pineta
    4

    34011 DUINO AURISINA (TS)
    Tel. 040299264 - Fax 040299265

    Il Camping-Village Mare Pineta - Baia Sistiana è situato in una delle più incantevoli baie dell'alto Adriatico, dove il mare è pulito e pescoso.
  • Pino Mare
    Pino Mare
    4

    33054 Lignano Sabbiadoro (UD)
    Tel. 0431424424 - Fax 0431424427

    Il Camping-Village “Pino Mare” è una meravigliosa oasi di tranquillità sul mare Adriatico, ubicato tra il verde di una lussureggiante pineta e una vasta spiaggia riservata.
  • Tenuta Primero
    34073 Grado (GO)
    Tel. 0431896900 - Fax 0431896901
  • Obelisco
    34151 Trieste (TS)
    Tel. 040212744 - 211655 - Fax 040212744
  • Aquileia
    33051 Aquileia (UD)
    Tel. 043191042 - Fax 043130804
  • Ca' Laguna
    34073 Grado (GO)
    Tel. 0431877145 - Fax 04311980190
  • Imperial Camping Agrituristico
    34011 DUINO AURISINA (TS)
    Tel. 040200459 - Fax 040200459
  • Belvedere Pineta Camping Village
    33051 BELVEDERE (UD)
    Tel. 043191007 - Fax 0431918641
  • Villaggio Turistico Europa
    34073 Grado (GO)
    Tel. 043180877 - Fax 043182284
  • Valtramontina
    33090 Tramonti di Sotto (PN)
    Tel. 0427869004 - Fax 0427869004
  • San Bartolomeo
    34015 Muggia (TS)
    Tel. 040271275 - Fax 040271275
  • Ai Pioppi
    33013 Gemona del Friuli (UD)
    Tel. 0432980358 - 981276 - Fax 0432980358
  • Pian del Grisa
    34016 Trieste (TS)
    Tel. 040213142 - 200345 - Fax 0402031100
  • Camping Lago dei 3 Comuni
    33010 Trasaghis (UD)
    Tel. 0432979464 - Fax 0432979464
  • Isola del Paradiso
    34073 Grado (GO)
    Tel. 043182061 - Fax 0431876900
  • Excelsior
    34016 Monrupino (TS)
    Tel. 040216968 - Fax 040216968
  • Al Bosco
    34073 Grado (GO)
    Tel. 043180485 - Fax 043181008
Messaggio multiplo
Contatta tutte le strutture trovate in
Friuli-Venezia Giulia
Località Località Friuli-Venezia Giulia
Ricerca campeggio
Cerca un campeggio !

Benvenuti in Friuli Venezia Giulia, nella Terra dei contrasti

Il Friuli Venezia Giulia racchiude tanti diversi paesaggi spettacolari

Parlare del Friuli senza pensare ai mosaici di Aquileia, è come parlare di un argomento tralasciandone il soggetto principale.
L'artigianato artistico in questa regione si veste di colori millenari, fondendosi con una storia lunga e complessa che parte dal periodo preromano per giungere sino ai giorni nostri.
Parliamo essenzialmente dei mosaici, la cui tradizione è da far risalire all’insediamento delle colonie romane.?Attualmente, in grande revival, il mosaico ha trovato una sua collocazione negli appartamenti moderni; rosoni incastonati in pavimenti o posti a decorare pareti si possono vedere un po’ ovunque.
A?Spilimbergo è dal 1920 che è nata una scuola per mosaicisti che, qui si formano usando le stesse tecniche adoperate in epoca imperiale romana. Piccole tessere in vetro opaco di vari colori, modellate con un martello a mezzaluna e poi fatte aderire al supporto con un cemento speciale formano e creano disegni dal gusto antico o moderno.
Fra le tante attività artigianali che hanno dato vita ad un vero e proprio commercio ricordiamo la produzione di pantofole.?Un tempo innumerevoli laboratori artigianali producevano le tipiche pantofole friulane ed il commercio era affidato a venditrici ambulanti che affiancavano questa attività al lavoro quotidiano nei campi.?
Ancor oggi però, accanto alle grandi aziende, troviamo in particolar modo nella zona di Gonars, di Fagagna e San Daniele del Friuli, numerosi laboratori dove manualmente vengono prodotte le “pantofole friulane”, molto apprezzate per la morbidezza e la solidità nel tempo.
Anche l’artigianato del ferro e del legno sono però fra i più diffusi in tutta la regione.
Il ferro è uno degli elementi più presenti nell’andamento della casa friulana: dagli accessori ai grandi camini.?Maniago è uno dei centri più famosi per la produzione di coltelli e forbici, appositamente creati per usi agricoli, lavorati tutti a mano con i manici in legno o in madreperla. Accanto a questo filone si è poi ultimamente affiancata la produzione di copie di antiche armature, spade, pugnali e mazze ferrate destinate sia al mercato dei collezionisti sia allo spettacolo.
Manzano, Corno di Rosazzo e San Giovanni al Natisone è invece il cosiddetto “triangolo della sedia” dove un’arte tanto antica ha potuto trovare ottimi sbocchi industriali.
Da non sottovalutare anche la produzione di mobili intagliati e decorati realizzati da intagliatori della Carnia.
Di grande fascino per le caratteristiche forme, sono le maschere tradizionali, anche se la produzione, sta purtroppo sfumando e quella poca rimasta è finalizzata all’impiego nelle tradizionali ma caratteristiche feste di Carnevale di alcuni paesi montani.
Molteplici sono gli aspetti gastronomici del Friuli Venezia Giulia: se da una parte troviamo nuovi piatti derivanti dalla cucina veneta, dall’altra, influenze asburgiche e slave in genere si riscontrano per lo spiccato gusto agrodolce ed il largo uso di spezie ed aromi. In Carnia troviamo il minestrone d’orzo ed i “cialzons”, ravioli ripieni di carne ed erbe aromatiche. A Trieste e nel goriziano troviamo la minestra di fagioli, crauti e patate ed il gulash, stufato di origine ungherese, unitamente ai “cevapcici”, salsicce piccanti di tradizione slava.
Due però sono i portabandiera delle specialità di questa regione e dobbiamo obbligatoriamente ricordarle: il Montasio?DOP ed il prosciutto San Daniele DOP. Il Montasio è un formaggio da latte a pasta compatta ma leggermente occhiata. Il suo nome deriva dall’omonimo rilievo delle Alpi Giulie, per il quale si hanno notizie di pascoli e casere sin dal XIII°?secolo. La produzione è di tre tipologie: fresco, mezzano, stravecchio a seconda della stagionatura. Il prosciutto San Daniele è conosciuto in tutto il mondo e si dice che la zona di San Daniele fosse già famosa in epoca romana per la stagionatura delle carni lavorate.?Dopo una stagionatura di almeno un anno si ottiene un prosciutto morbido di gusto intenso ma dolce. Caratteristica per riconoscerlo, è il tipico zampino che viene lasciato nella carne, tutta rigorosamente selezionata. Gustato con vini bianchi, rosati o rossi profumati come il Friuli Annia Malvasia o Tocai friulano o Friuli rosato è veramente un piatto unico. I piatti tradizionali sono:
- bisna, polenta gialla con fagioli e crauti acidi, viene servita con un soffritto di lardo e cipolla;
- brodetto gradese, trattasi di un brodo a base di pesci cotti dapprima in una base di olio ed aglio, poi sgrassati con aceto la cottura viene finita in acqua.?Moltissime sono le varianti di questo piatto che a seconda delle diverse località viene fatto con diverse qualità di pesce e talvolta anche con la conserva di pomodori;
- gnocchi di prugne, piatto di origine austriaca, sono grossi gnocchi contenenti una prugna secca che una volta bolliti vengono serviti con burro fuso e zucchero.
- jota, classica minestra diffusa un po’ in tutta la regione.?Si tratta di una zuppa fatta con fagioli, latte, brovada - ossia rape bianche fermentate nelle vinacce - e polenta in farina.
- frico, tanto semplice questo piatto ma tanto gustoso, si tratta di patate e formaggio tenero raccolti con una frittata;
- muset, famoso cotechino composto dalla testa del maiale, la cotenna e la carne degli stinchi insaporito con cannella, coriandolo ed altri aromi.?Viene servito bollito con la brovada o con la polenta;
- nardi e fasui, classico minestrone friulano di orzo e fagioli che cuoce lentamente con osso di prosciutto ed aromi. E’ un piatto tipico della campagna e nelle osterie è quasi sempre possibile trovarlo pronto ad accompagnare un buon calice di vino.